Tutto per la tua bellezza e la tua serenità a 360 gradi

I nostri servizi

Sensibilità dentale

Che cos’è ?

La sensibilità dentale è il dolore che può essere percepito quando si mangiano cibi dolci o si bevono bevande ad alta o bassa temperatura. Ciò avviene quando si verifica l’apertura dei tubuli dentinali, scoperti a causa della perdita o spostamento del tessuto gengivale, o per perdita, a causa di abrasioni o erosione dello smalto, di quello strato di protezione della denti a, che essendo porosa, attraverso i tubuli mette in contatto gli eventi esterni con il nervo del dente,che risulta essere così molto sensibile. Questo di solito capita a livello del colletto dentale dove il dente e la gengiva vengono a contatto e lo strato di smalto è più sottile.

A cosa è dovuta?

  1. Spazzolamento dentale: se effettuato in modo scorretto e con uno spazzolino troppo duro, può essere una delle principali cause dell’ abrasione dentale e successiva sensibilizzazione del dente.
  2. Alimentazione: l’uso di cibi particolarmente acidi ,come agrumi e limoni, possono creare erosione dello smalto ,specie al colletto del dente.
  3. Igiene orale: la mancanza di igiene orale corretta, comporta una deposizione di strati di placca e tartaro che possono causare recessione gengivale per infiammazione, come distruggere lo strato di smalto per acidificazione.
  4. Parafunzioni: il digrignamento , serramento o bruxismo, comportano una sollecitazione errata del dente al carico occlusale che si manifesta con un indebolimento della struttura dentale in prossimità di quella zona in cui il livello di smalto è più sottile e facilmente sgretolabile,come il colletto del dente .
  5. Recessione gengivale: le gengive possono abbassarsi ed esporre la radice del dente che diventa così più sensibile perché non protetta dallo smalto dentale.

Rimedi

  1. Spazzolare i denti e usare il filo interdentale almeno 2 volte al giorno per prevenire l’accumulo di placca e tartaro,causa di recessioni gengivali e carie collettali.
  2. Usare un dentifricio a bassa abrasività, e desensibilizzante, studiato apposta per ridurre la sensibilità dentale.
  3. Usare uno spazzolino con setole morbide e con uno spazzolamento adeguato.
  4. Assumere cibi e bevande poco acidi per prevenire la sensibilità dentale, e molto importante e non lavarsi i denti per almeno un’ora dopo la loro assunzione, perché l’acidità crea una debolezza dello smalto, che spazzolandolo si disgrega. Dopo un ora la saliva tamponerà l’acidità e ristabilirà la durezza smaltea.
  5. Terapie specifiche: recandosi dal proprio dentista, oggi sono disponibili molte terapie per la sensibilità, partendo da desensibilizzanti ad uso locale, terapie laser, ricoperture radicolari con composito, per finire a terapie mucogengivali per ricoprire le recessioni gengivali.